Tata: sistema anti-abbandono by Filo

L’intervista con il team di progettazione

Nell’attesa che si concluda l’iter tecnico-burocratico che finalmente porterà all’applicazione della legge sui dispositivi anti-abbandono ,continua il nostro viaggio tra le startup e le aziende Italiane che si stanno prodigando per produrre dispositivi sicuri ed affidabili.

Grazie alla disponibilità del team di Filo, abbiamo intervistato Andrea Gattini.

MSA : Buongiorno Andrea, ti chiedo di dirci chi sei e di cosa ti occupi

Ciao,mi chiamo Andrea Gattini e sono uno dei fondatori di Filo, una startup italiana che realizza prodotti che aiutano le persone a rimanere accanto a ciò che amano.
In Filo mi occupo principalmente di digital marketing, ma anche e soprattutto di capire come rendere un prodotto a misura di consumatore ed offrire la migliore soluzione al suo problema.
Abbiamo cominciato la nostra avventura con Filo Tag, un portachiavi bluetooth che aiuta a ritrovare i propri oggetti con un’app.
Oggi, dopo circa 4 anni, stiamo lanciando il nostro ultimo prodotto, Tata: un cuscino anti abbandono per bambini in auto, dotato di 3 allarmi intelligenti che aiutano a ridurre il rischio di abbandono del bambino in auto.

Team di Filo
Team di Filo : (da sinistra a destra) Giorgio, Lapo, Andrea, Stefania

MSA: Come è nata l’idea di pensare un prodotto per la sicurezza dei bambini in auto?

“In Filo siamo sempre stati legati all’idea di usare la tecnologia per avvicinare le persone alle cose che amano. Lo abbiamo fatto partendo da un portachiavi ritrova oggetti, ma il nostro desiderio è sempre stato quello di creare prodotti che potessero avvicinare le persone ad altre persone.
I nostri primi prototipi in questo senso sono stati sviluppati nel 2015 ed erano stati concepiti come prodotti indossabili (i cosiddetti wearable device).

Prototipo dispositivo wearable

Abbiamo ripreso questi progetti ad Aprile 2018 quando, collaborando con un’azienda esperta nel settore automobilistico, abbiamo cominciato a sviluppare i nostri prototipi per creare soluzioni in grado di aumentare la sicurezza dei bambini durante il trasporto in auto.
Quando si è cominciato a parlare di una legge sui dispositivi anti abbandono, abbiamo allora deciso di adattare i nostri prototipi al caso d’uso dei seggiolini auto.
Da lì ha preso forma Tata.

Dispotivo anti-abbandono Tata
Dispotivo anti-abbandono Tata

MSA: Come funziona il vostro dispositivo anti-abbandono e come si differenzia da altri già presenti sul mercato?

Tata è un cuscino anti abbandono che si collega allo smartphone tramite app ed è dotato di 3 allarmi intelligenti.
Perché intelligenti? Perché Tata è l’unico dispositivo anti abbandono connesso allo smartphone in grado di attivare i suoi allarmi anche se lo smartphone è spento, scarico o senza campo.
Ma partiamo dal principio.
Il funzionamento di Tata è semplice: si attiva in automatico grazie a due sensori (pressione + capacitivo) la cui combinazione riesce ad eliminare i fastidiosi falsi allarmi che gli altri dispositivi non riescono ad evitare: infatti, proprio perché gli altri dispositivi utilizzano solo un sensore di pressione, questi si possono attivare anche se il bambino non è a bordo, ma ad esempio sul seggiolino c’è una busta della spesa.
Il sensore capacitivo di Tata, invece, fa un ulteriore controllo: se c’è un peso sopra, allora verifica che sia un corpo umano. In caso sul seggiolino non ci fosse un corpo umano, Tata non si attiverà.
Dopo essersi attivato, Tata si collegherà allo smartphone ed inizierà la sua fase di monitoraggio del bambino. Quando il genitore si allontana dall’auto si attivano sequenzialmente gli allarmi.

tata allarmi
Sequenza allarmi Tata

Allarme di 1° livello: Notifica sonora sullo smartphone
Quando il tuo bimbo è a bordo e ti allontani dal veicolo con il tuo smartphone, dopo pochi metri riceverai un allarme di primo livello, una notifica sonora udibile anche se lo smartphone è silenzioso.
Allarme di 2° livello: Chiamata sul tuo smartphone
Qualora non disattivassi l’allarme, riceverai una chiamata di emergenza dal nostro centralino virtuale.
Segui le istruzioni dell’operatore per confermare che è tutto sotto controllo.
Allarme di 3° livello: SMS e chiamata ai contatti di emergenza
Qualora non riuscissi a rispondere nemmeno alla nostra chiamata, verrà inviata un’ultima notifica sonora della durata di 60 sec. Se l’allarme non verrà disattivato partirà una chiamata di emergenza e un SMS ai numeri da te preselezionati con l’indicazione GPS utile ad individuare la posizione del bambino.
Le chiamate e gli SMS non sono inviati da Tata, ma dal nostro centralino virtuale a cui si collega l’app, indipendentemente dal tuo smartphone.
Questo significa che, anche se il tuo smartphone fosse spento, scarico o senza campo, gli SMS e le chiamate potranno comunque essere inviate proprio grazie al nostro centralino virtuale.

Riassumendo tutti i vantaggi di Tata rispetto ai concorrenti:

  • Utilizzo di due sensori di rilevamento del bambino (capacitivo + pressione).L’accoppiata di questi sensori RIDUCE I FALSI ALLARMI che altri dispositivi fanno partire anche se il bambino non è a bordo.
  • Gestione intelligente di casi imprevisti

Tata funziona anche se:

  • Smartphone viene dimenticato in auto. Tata è in grado di capire se sei in viaggio o sei fermo: se il bambino è a bordo, la macchina risulta ferma da più di 10 minuti e lo smartphone è comunque connesso tramite bluetooth a Tata, allora probabilmente hai parcheggiato lasciando lo smartphone in auto: in questo caso Tata attiverà gli allarmi di sicurezza verso i contatti di emergenza.
  • Smartphone ha il bluetooth disattivato o viene scordato a casa.Quando il bambino è a bordo e Tata non riesce a connettersi con il tuo smartphone perché il bluetooth è disattivato (o lo smartphone è spento), emetterà un suono intermittente per ricordarti di accenderlo (un po’ come avviene con le cinture di sicurezza).
  • Smartphone è scarico, spento o senza campo.Quando il bambino risulta ancora a bordo e lo smartphone si spegne improvvisamente perché scarico, il nostro centralino virtuale invierà una chiamata di sicurezza ai tuoi contatti selezionati: li avviserà del fatto che il bambino risulta a bordo, ma che Tata non riesce più a comunicare con il tuo smartphone.

In ultimo, Tata è completamente progettato e realizzato in Italia e avrà diverse funzioni che renderanno ancora più facile l’esperienza utente come al condivisione del dispositivo con l’altro genitore e l’avviso batteria scarica (le batterie sono sostituibili).

MSA:Quali difficoltà avete incontrato durante lo sviluppo?

Fortunatamente siamo partiti con un grosso vantaggio: la tecnologia di comunicazione che utilizza Tata (il bluetooth) la conosciamo molto bene.
Infatti dal 2014 sviluppiamo prodotti che utilizzano questa tecnologia (come ad esempio con Filo Tag, il nostro bluetooth tracker ritrova oggetti). Ad oggi in Italia siamo una delle aziende più esperte e conosciute nel settore e questo ci ha permesso di sviluppare il prodotto con molta velocità e accuratezza.
La principale difficoltà è stata, ed è tutt’ora, una difficoltà burocratica in quanto non sono ancora definitivi i requisiti che noi produttori dobbiamo rispettare in tema di dispositivi anti abbandono.
Il rischio principale è che il decreto attuativo stabilisca il nuovo obbligo a distanza di poche settimane dalla sua definizione, impedendo i produttori di adeguare i loro prodotti per tempo qualora le modifiche siano importanti rispetto ai requisiti provvisori già indicati.

MSA:Visto il ritardo accumulato dall’UE che ha di fatto slittare l’obbligo a fine anno, credi che le aziende saranno pronte sul mercato con prodotti a norma di legge?”

La risposta è un grosso punto interrogativo.
Proprio il 22 Luglio è scaduto il nuovo termine di consultazione pubblica prorogato da Aprile. Dal 23 Luglio sarà possibile per il MIT emanare il decreto attuativo definitivo, per poi proseguire l’iter legislativo attraverso il consiglio di Stato.
Non è possibile fare dei pronostici veritieri, ma il rischio oggi è quello di creare un problema che a catena rimbalzerà dai produttori ai consumatori.
Se il decreto imporrà delle modifiche tecniche, noi produttori ci adegueremo con tempi che potranno variare a seconda dell’impatto di tali modifiche: lo scenario finale potrebbe essere quello di un obbligo valido, ma un mercato privo di prodotti a norma di legge (almeno per una prima fase temporale) che farebbe alzare un grande caos sul tema delle sanzioni.
In questo caso la nostra domanda è: come saranno tutelati i consumatori?”

MSA: Grazie Andrea per la tua disponibilità e precisione. Aspettiamo con trepidazione un dispositivo Tata da testare. A presto

2 Comments
  1. Mi piacerebbe sapere il prezzo e dove si può acquistare

    • Reply
      MigliorSeggiolinoAuto 10 Ottobre 2019 at 13:05

      Buongiorno Manuel, ancora non è in vendita. Appena sarà disponibile troverà la recensione sul nostro sito. Grazie per averci contattato. Andrea staff MigliorSeggiolinoAuto.it

Leave a reply

MigliorSeggiolinoAuto.it
Register New Account
Reset Password