fbpx

Recensione Tippy – Dispositivo anti-abbandono

5

Ormai da diversi anni si discute su come poter arginare il grave problema relativo al rischio per gli adulti di “dimenticare” il bambino in auto e scongiurare così quelle tragedie di cui spesso si ha notizia e che tanto ci sconvolgono.

Un pericolo, quello dell’abbandono involontario dei piccoli in auto, che sebbene faccia scatenare giudizi e pregiudizi, può coinvolgere chiunque indiscriminatamente e che può arrivare a causare disgrazie davvero irrimediabili.

La ragione di questi episodi va ricercata in una sorta di “black-out” della mente che causa un’amnesia temporanea e che può presentarsi in qualsiasi momento, non solo nei confronti di oggetti che si dimenticano o appuntamenti che si saltano, ma che, purtroppo, soprattutto in momenti di particolare affaticamento psico-fisico, possono coinvolgere anche i propri cari, “dimenticando” appunto i più piccoli in auto e proseguendo nella propria giornata senza ricordarsene anche per molte ore.

Un problema sulla cui soluzione si è discusso a lungo negli ultimi anni e che sembra aver finalmente trovato una via, focalizzandosi soprattutto sulla realizzazione di dispositivi in grado di ridurre i danni di queste amnesie temporanee e di avvertire per tempo e in modo univoco il guidatore se il piccolo passeggero che sta trasportando è ancora a bordo quando l’auto viene spenta.

Il 2019 sarà l’anno in cui tali soluzioni, che sono già presenti sul mercato sotto forma di varie tipologie di dispositivi che vanno collegati con il seggiolino dove alloggia il piccolo, saranno rese obbligatorie per quanto riguarda il trasporto in auto di bambini fino ai quattro anni.

Una legge che ha visto la sua approvazione il primo ottobre scorso, entrata in vigore il 27 ottobre, e per l’applicazione della quale si è adesso in attesa di un provvedimento che stabilisca le specifiche di omologazione dei dispositivi anti abbandono, che dovranno essere rese note entro il primo luglio 2019.

Tippy -Come funziona

Tra i dispositivi anti abbandono attualmente in commercio, diverse le proposte italiane anche per quanto riguarda l’applicazione a strumenti tecnologici. È questo il caso di Tippy, prodotto dalla società Digicom di B810 Group, una sorta di “cuscino intelligente” che viene posizionato sul seggiolino del piccolo e che, una volta collegato allo smartphone (Tippy è compatibile sia con sistema iOs sia con Android) tramite Bluetooth e una App apposita, avvisa il guidatore con un segnale sonoro quando l’auto si ferma e il bambino è ancora a bordo.

Tippy App IOS e Android

Un sistema che garantisce ancor più sicurezza grazie alla possibilità di essere collegato ad altri due numeri di emergenza, avvisandoli nel caso in cui la segnalazione non venga subito avvertita dal guidatore, segnalando anche le coordinate geografiche dell’auto.

Un dispositivo che si presenta come uno smart pad che va “ancorato” alla seduta del seggiolino con passaggi semplici e veloci e che sarà in grado di poter rilevare tramite sensore la presenza del bambino in auto.

Tippy istruzioni montaggio

Scaricando l’apposita App da App Store o Play Store, è sufficiente registrarsi e seguire le indicazioni per associare l’App al dispositivo, completando la procedura indicando il nome del bambino e fornendo i numeri di emergenza a cui eventualmente inviare un SMS dopo un determinato lasso di tempo nel caso in cui la segnalazione sia stata ignorata e l’allarme non sia stato disattivato.

Conclusioni

Tippy è adatto a qualsiasi tipo di seggiolino, funziona senza cavi, ha una batteria garantita tre anni ed è realizzato in ottimo materiale. Si disattiva nel momento in cui il bambino viene prelevato dal seggiolino, in quanto il sensore non ne rileva più il peso.

Un dispositivo che rende sicuri i tragitti in auto di tutta la famiglia e che permette di scongiurare quegli episodi di perdita di memoria involontaria in cui ogni genitore teme di incorrere.

Digicom 8E4610 - Tippy Smart Pad Cuscino Di Sicurezza Per Seggiolini Bambini, Nero

Prezzo aggiornato il :23 Gennaio 2019 00:38
in stock
Se hai qualche domanda o se ti è piaciuto l'articolo lascia un commento

      Scrivi il tuo commento